Sanita’: assistenza domiciliare, Anaste scrive al Governo – Rassegna Stampa

https://www.quotidianosanita.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=98031#:~:text=Anaste%3A%20%E2%80%9CGoverno%20ci%20convochi%20al,assistenza%20domiciliare%20sanitaria%E2%80%9D%20%2D%20Quotidiano%20Sanit%C3%A0&text=8%20settembre%20%2D%20L’Associazione%20dele,Affari%20Regionali%2C%20Maria%20Stella%20Gelmini.

http://finanza.tgcom24.mediaset.it/news/dettaglio_news.asp?id=202109081220091733&chkAgenzie=PMFNW&sez=news&testo=anaste&titolo=Governo:%20Anaste,%20ci%20convochi%20per%20confronto%20su%20cure%20domiciliari

https://www.milanofinanza.it/news/ricerca-mfdj?testo=anaste&chktitolo=&datadal=&dataal=&archivio=

MERCOLEDÌ 08 SETTEMBRE 2021 16.00.59

Sanita’: assistenza domiciliare, ass.Anaste scrive al Governo

Confronto in Commissione su definizione requisiti accreditamento (ANSA) – ROMA, 08 SET – Poter fornire il proprio contributo alla definizione dei requisiti necessari all’assistenza domiciliare sanitaria nel confronto in Commissione Nazionale. Questa la richiesta dell’Associazione Nazionale Strutture Territoriali e della Terza Eta’ (Anaste), contenuta in una lettera inviata ai ministri della Salute, Roberto Speranza e degli Affari Regionali, Maria Stella Gelmini, riferisce l’Anaste in una nota. Facendo riferimento all’intesa Stato-Regioni del 4 agosto scorso sul documento relativo ai requisiti per l’autorizzazione all’esercizio delle cure domiciliari, nella lettera il presidente di Anaste, Sebastiano Capurso, spiega che l’organizzazione da lui guidata “rappresenta gli operatori privati del settore dell’assistenza territoriale, tra i quali anche numerosi gia’ accreditati a livello regionale”. Per questo, forte della sua esperienza trentennale, Anaste “chiede di poter essere convocata per un confronto sui temi in corso di discussione, anche alla luce di quanto previsto all’art.22 del DPCM 12 gennaio 2017”. La Rsa del futuro, precisa Capurso, “sara’ una struttura aperta al territorio e integrata con le altre attivita’ assistenziali, tra le quali l’assistenza sanitaria domiciliare”. Per questo Anste chiede di essere inclusa tra le organizzazioni di categoria con forte competenza nel settore” e cosi’ “fornire un fattivo contributo alla definizione del piu’ corretto percorso di ristrutturazione del sistema, come previsto nel PNRR”. (ANSA). YQX-GU 08-SET-21 15:59 NNNN

MERCOLEDÌ 08 SETTEMBRE 2021 10.50.04

Salute, Anaste: Governo ci convochi su assistenza domiciliare

Salute, Anaste: Governo ci convochi su assistenza domiciliare Roma, 8 set. (LaPresse) – Poter fornire il proprio contributo alla definizione dei requisiti necessari all’assistenza domiciliare sanitaria nel confronto in Commissione Nazionale. E’ questo il significato della richiesta che Anaste, l’Associazione Nazionale Strutture Territoriali e della Terza Età, ha inviato ai ministri della Salute, Roberto Speranza e degli Affari Regionali, Maria Stella Gelmini, avanzata in una lettera inviata anche al Segretario generale della Conferenza permanente per i rapporti tra Stato e Regioni, Ermenegilda Siniscalchi.Nella missiva il Presidente di Anaste, Sebastiano Capurso, facendo riferimento alla recente intesa Stato-Regioni del 4 agosto scorso, sul documento recante ”Proposta di requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l’autorizzazione all’ esercizio e requisiti ulteriori per l’accreditamento delle cure domiciliari” spiega che l’organizzazione da lui guidata “rappresenta gli operatori privati del settore dell’assistenza territoriale, tra i quali anche numerosi operatori già accreditati a livello regionale e con esperienza trentennale nel settore dell’assistenza domiciliare”. Proprio per questo Anaste – spiega Capurso nella lettera – “chiede di poter essere convocata per un confronto sui temi in corso di discussione, anche alla luce di quanto previsto all’art.22 del DPCM 12 gennaio 2017, in merito al coinvolgimento di tutte le componenti dell’offerta assistenziale sanitaria, ed eventualmente di indicare un componente come esperto nella commissione di cui alla lettera c) della suddetta intesa”.(segue) ECO NG01 taw 081048 SET 21

MERCOLEDÌ 08 SETTEMBRE 2021 10.50.04

Salute, Anaste: Governo ci convochi su assistenza domiciliare-2-

Salute, Anaste: Governo ci convochi su assistenza domiciliare-2- Roma, 8 set. (LaPresse) – “Ciò anche in rapporto – fa presente il Presidente di Anaste nella lettera alle istituzioni – alla complessità del percorso, alle difficoltà e problematiche affrontate nelle sedi regionali che hanno già avviato il sistema dell’accreditamento, alla necessità di una visione che comprenda le diverse realtà dell’intero territorio nazionale, assicurando omogeneità di prestazioni e relative tariffe, ed infine alla necessaria integrazione con le realtà operative sul territorio nell’ambito semiresidenziale e residenziale, pure rappresentate dalla scrivente, nell’ottica di una piena integrazione di servizi e risposte ai bisogni della popolazione anziana e fragile”.Secondo Capurso, infatti, “la Rsa del futuro sarà una struttura aperta al Territorio, ed integrata con le altre attività assistenziali, tra le quali ha particolare rilievo l’assistenza sanitaria domiciliare.(segue) ECO NG01 taw 081048 SET 21

MERCOLEDÌ 08 SETTEMBRE 2021 10.50.04

Salute, Anaste: Governo ci convochi su assistenza domiciliare-3-

Salute, Anaste: Governo ci convochi su assistenza domiciliare-3- Roma, 8 set. (LaPresse) – “A tale proposito l’Anaste, forte di una trentennale presenza nei servizi residenziali e domiciliari ha rivolto una istanza ai Ministri: della Salute Roberto Speranza, Affari Regionali ed Autonomie, Maria Stella Gelmini, Stato Generale conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato le Regioni e le provincie Autonome di Trento e Bolzano, Cons. Ermenegilda Siniscalchi, per essere consultata ed inclusa tra le organizzazioni di categoria con forte competenza nel settore, in grado anche attraverso i suoi esperti, di fornire un fattivo contributo alla definizione del più corretto percorso di ristrutturazione del sistema, come previsto nel PNRR”. ECO NG01 taw 081048 SET 21

MERCOLEDÌ 08 SETTEMBRE 2021 11.49.06

Governo: Anaste, ci convochi per confronto su cure domiciliari

ROMA (MF-DJ)–Poter fornire il proprio contributo alla definizione dei requisiti necessari all’assistenza domiciliare sanitaria nel confronto in Commissione Nazionale. E’ la richiesta che Anaste, l’Associazione Nazionale Strutture Territoriali e della Terza Eta’, ha inviato ai ministri della Salute, Roberto Speranza, e degli Affari Regionali, Maria Stella Gelmini, in una lettera indirizzata anche al segretario generale della Conferenza permanente per i rapporti tra Stato e Regioni, Ermenegilda Siniscalchi. Nella missiva, informa una nota, il presidente di Anaste, Sebastiano Capurso, fa riferimento alla recente intesa Stato-Regioni del 4 agosto scorso, sul documento recante “Proposta di requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l’autorizzazione all’ esercizio e requisiti ulteriori per l’accreditamento delle cure domiciliari”, spiegando che l’organizzazione da lui guidata “rappresenta gli operatori privati del settore dell’assistenza territoriale, tra i quali anche numerosi operatori gia’ accreditati a livello regionale e con esperienza trentennale nel settore dell’assistenza domiciliare”. Proprio per questo Anaste, spiega Capurso nella lettera, “chiede di poter essere convocata per un confronto sui temi in corso di discussione, anche alla luce di quanto previsto all’art.22 del DPCM 12 gennaio 2017, in merito al coinvolgimento di tutte le componenti dell’offerta assistenziale sanitaria, ed eventualmente di indicare un componente come esperto nella commissione di cui alla lettera c) della suddetta intesa”. Cio’ anche in rapporto, fa presente il presidente di Anaste, “alla complessita’ del percorso, alle difficolta’ e problematiche affrontate nelle sedi regionali che hanno gia’ avviato il sistema dell’accreditamento, alla necessita’ di una visione che comprenda le diverse realta’ dell’intero territorio nazionale, assicurando omogeneita’ di prestazioni e relative tariffe, ed infine alla necessaria integrazione con le realta’ operative sul territorio nell’ambito semiresidenziale e residenziale, pure rappresentate dalla scrivente, nell’ottica di una piena integrazione di servizi e risposte ai bisogni della popolazione anziana e fragile”. Secondo Capurso, infatti, “la Rsa del futuro sara’ una struttura aperta al Territorio, ed integrata con le altre attivita’ assistenziali, tra le quali ha particolare rilievo l’assistenza sanitaria domiciliare. A tale proposito l’Anaste, forte di una trentennale presenza nei servizi residenziali e domiciliari ha rivolto una istanza ai Ministri: della Salute Roberto Speranza, Affari Regionali ed Autonomie, Maria Stella Gelmini, Stato Generale conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato le Regioni e le provincie Autonome di Trento e Bolzano, Cons. Ermenegilda Siniscalchi, per essere consultata ed inclusa tra le organizzazioni di categoria con forte competenza nel settore, in grado anche attraverso i suoi esperti, di fornire un fattivo contributo alla definizione del piu’ corretto percorso di ristrutturazione del sistema, come previsto nel Pnrr”. gug (fine) MF-DJ NEWS 0811:48 set 2021 NNNN

MERCOLEDÌ 08 SETTEMBRE 2021 10.55.17

Anaste: Governo ci convochi in Commissione su assistenza domiciliare

Anaste: Governo ci convochi in Commissione su assistenza domiciliare Anaste: Governo ci convochi in Commissione su assistenza domiciliare “Vogliamo fornire il nostro contributo” Roma, 8 set. (askanews) – Poter fornire il proprio contributo alla definizione dei requisiti necessari all’assistenza domiciliare sanitaria nel confronto in Commissione Nazionale. E’ questo il significato della richiesta che Anaste, l’Associazione Nazionale Strutture Territoriali e della Terza Età, ha inviato ai ministri della Salute, Roberto Speranza e degli Affari Regionali, Maria Stella Gelmini, avanzata in una lettera inviata anche al segretario generale della Conferenza permanente per i rapporti tra Stato e Regioni, Ermenegilda Siniscalchi. Nella missiva il presidente di Anaste, Sebastiano Capurso, facendo riferimento alla recente intesa Stato-Regioni del 4 agosto scorso, sul documento recante ”Proposta di requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l’autorizzazione all’ esercizio e requisiti ulteriori per l’accreditamento delle cure domiciliari” spiega che l’organizzazione da lui guidata “rappresenta gli operatori privati del settore dell’assistenza territoriale, tra i quali anche numerosi operatori già accreditati a livello regionale e con esperienza trentennale nel settore dell’assistenza domiciliare”. Proprio per questo Anaste – spiega Capurso nella lettera – “chiede di poter essere convocata per un confronto sui temi in corso di discussione, anche alla luce di quanto previsto all’art.22 del DPCM 12 gennaio 2017, in merito al coinvolgimento di tutte le componenti dell’offerta assistenziale sanitaria, ed eventualmente di indicare un componente come esperto nella commissione di cui alla lettera c) della suddetta intesa”. (Segue) Red 20210908T105509Z

MERCOLEDÌ 08 SETTEMBRE 2021 10.55.30

Anaste: Governo ci convochi in Commissione su assistenza domiciliare -2-

Anaste: Governo ci convochi in Commissione su assistenza domiciliare -2- Anaste: Governo ci convochi in Commissione su assistenza domiciliare -2- Roma, 8 set. (askanews) – Ciò anche in rapporto – fa presente il presidente di Anaste nella lettera alle istituzioni – ”alla complessità del percorso, alle difficoltà e problematiche affrontate nelle sedi regionali che hanno già avviato il sistema dell’accreditamento, alla necessità di una visione che comprenda le diverse realtà dell’intero territorio nazionale, assicurando omogeneità di prestazioni e relative tariffe, ed infine alla necessaria integrazione con le realtà operative sul territorio nell’ambito semiresidenziale e residenziale, pure rappresentate dalla scrivente, nell’ottica di una piena integrazione di servizi e risposte ai bisogni della popolazione anziana e fragile”. Secondo Capurso, infatti, “la Rsa del futuro sarà una struttura aperta al Territorio, ed integrata con le altre attività assistenziali, tra le quali ha particolare rilievo l’assistenza sanitaria domiciliare. A tale proposito l’Anaste, forte di una trentennale presenza nei servizi residenziali e domiciliari ha rivolto una istanza ai ministri: della Salute Roberto Speranza, Affari Regionali ed Autonomie, Maria Stella Gelmini, Stato Generale conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato le Regioni e le provincie Autonome di Trento e Bolzano, Cons. Ermenegilda Siniscalchi, per essere consultata ed inclusa tra le organizzazioni di categoria con forte competenza nel settore, in grado anche attraverso i suoi esperti, di fornire un fattivo contributo alla definizione del più corretto percorso di ristrutturazione del sistema, come previsto nel Pnrr”. Red 20210908T105522Z

MERCOLEDÌ 08 SETTEMBRE 2021 12.53.20
WELFARE: CAPURSO (ANASTE), ‘GOVERNO CI CONVOCHI SULL’ASSISTENZA DOMICILIARE SANITARIA’ =

ADN0490 7 CRO 0 ADN CRO NAZ WELFARE: CAPURSO (ANASTE), ‘GOVERNO CI CONVOCHI SULL’ASSISTENZA DOMICILIARE SANITARIA’ = L’Associazione scrive ai ministri della Salute, Roberto Speranza e degli Affari Regionali, Maria Stella Gelmini Roma, 8 set.(Adnkronos/Labitalia) – Poter fornire il proprio contributo alla definizione dei requisiti necessari all’assistenza domiciliare sanitaria nel confronto in Commissione Nazionale. E’ questo il significato della richiesta che ANASTE, l’Associazione Nazionale Strutture Territoriali e della Terza Età, ha inviato ai ministri della Salute, Roberto Speranza e degli Affari Regionali, Maria Stella Gelmini, avanzata in una lettera inviata anche al Segretario generale della Conferenza permanente per i rapporti tra Stato e Regioni, Ermenegilda Siniscalchi. Nella missiva il presidente di ANASTE, Sebastiano Capurso, facendo riferimento alla recente intesa Stato-Regioni del 4 agosto scorso, sul documento recante ”Proposta di requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l’autorizzazione all’ esercizio e requisiti ulteriori per l’accreditamento delle cure domiciliari” spiega che l’organizzazione da lui guidata ”rappresenta gli operatori privati del settore dell’assistenza territoriale, tra i quali anche numerosi operatori già accreditati a livello regionale e con esperienza trentennale nel settore dell’assistenza domiciliare”. Proprio per questo ANASTE – spiega Capurso nella lettera – ”chiede di poter essere convocata per un confronto sui temi in corso di discussione, anche alla luce di quanto previsto all’art.22 del dpcm 12 gennaio 2017, in merito al coinvolgimento di tutte le componenti dell’offerta assistenziale sanitaria, ed eventualmente di indicare un componente come esperto nella commissione di cui alla lettera c) della suddetta intesa”. (segue) (Map/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 08-SET-21 12:53 NNNN

MERCOLEDÌ 08 SETTEMBRE 2021 12.53.20
WELFARE: CAPURSO (ANASTE), ‘GOVERNO CI CONVOCHI SULL’ASSISTENZA DOMICILIARE SANITARIA’ (2) =

ADN0491 7 CRO 0 ADN CRO NAZ WELFARE: CAPURSO (ANASTE), ‘GOVERNO CI CONVOCHI SULL’ASSISTENZA DOMICILIARE SANITARIA’ (2) = (Adnkronos/Labitalia) – Ciò anche in rapporto, fa presente il presidente di ANASTE nella lettera alle istituzioni, ”alla complessità del percorso, alle difficoltà e problematiche affrontate nelle sedi regionali che hanno già avviato il sistema dell’accreditamento, alla necessità di una visione che comprenda le diverse realtà dell’intero territorio nazionale, assicurando omogeneità di prestazioni e relative tariffe, ed infine alla necessaria integrazione con le realtà operative sul territorio nell’ambito semiresidenziale e residenziale, pure rappresentate dalla scrivente, nell’ottica di una piena integrazione di servizi e risposte ai bisogni della popolazione anziana e fragile”. Secondo Capurso, infatti, ”la Rsa del futuro sarà una struttura aperta al Territorio, ed integrata con le altre attività assistenziali, tra le quali ha particolare rilievo l’assistenza sanitaria domiciliare”. A tale proposito l’ANASTE, forte di una trentennale presenza nei servizi residenziali e domiciliari ha rivolto una istanza ai Ministri: della Salute Roberto Speranza, Affari Regionali ed Autonomie, Maria Stella Gelmini, Stato Generale conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato le Regioni e le provincie Autonome di Trento e Bolzano, Ermenegilda Siniscalchi, per essere consultata ed inclusa tra le organizzazioni di categoria con forte competenza nel settore, in grado anche attraverso i suoi esperti, di fornire un fattivo contributo alla definizione del più corretto percorso di ristrutturazione del sistema, come previsto nel Pnrr”, conclude. (Map/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 08-SET-21 12:53 NNNN

Torna su