Obbligo Vaccinale per il personale: nota informativa

Come noto, con D.L. n. 122/2021, è stato esteso l’obbligo vaccinale a tutto il personale impiegato nelle strutture nostre associate, che in precedenza era stato previsto per il solo personale sanitario e di interesse sanitario.

Detto obbligo – a differenza del precedente – prevede che sia il Datore di Lavoro ad effettuare i dovuti controlli, nelle modalità da stabilirsi con DPCM, da emanarsi previo parere acquisito dal Garante Privacy.

A tutt’oggi, detto DPCM non è stato emanato, così che le nostre strutture si trovano oggi a dover affrontare, attraverso un’interpretazione che sia coerente con la normativa privacy vigente, il suddetto onere di controllo.

In tale contesto, si consiglia di:

  1. coinvolgere, preferibilmente mediante comunicazione scritta, il Medico Competente, affinché ponga in essere tutte le misure necessarie volte a garantire la tutela e la sicurezza nei luoghi di lavoro, nell’ambito delle funzioni di sorveglianza sanitaria che il D.lgs.. n. 81/2008 gli riserva; sul punto, si precisa che proprio il Garante Privacy, in materia di obbligo vaccinale, ha fornito istruzioni operative circa il ruolo del Medico Competente, seppur nel precedente quadro normativo, che trasmettiamo in allegato alla presente;
  2. mantenere un comportamento prudenziale, considerato l’orientamento del Garante Privacy in materia di protezione dei dati personali, che – nel dare risalto al ruolo del Medico Competente – precisa quanto segue: “Nel quadro delle norme a tutela della dignità e della libertà degli interessati sui luoghi di lavoro, infatti, non è consentito al datore di lavoro raccogliere direttamente dai dipendenti, dal medico compente, o da altri professionisti sanitari o strutture sanitarie, informazioni relative all’intenzione del lavoratore di aderire alla campagna o alla avvenuta somministrazione (o meno) del vaccino e ad altri dati relativi alle sue condizioni di salute.”.

Si precisa che l’obbligo entrato in vigore dal 10 ottobre 2021 differisce dal successivo obbligo, introdotto con D.L. n. 127/2021, che introduce un generalizzato obbligo di esibizione di green pass, all’atto dell’accesso nei luoghi di lavoro.

Il susseguirsi di decreti e la carenza di disposizioni attuative non consentono di precisare meglio la questione, e pertanto le suddette note devono considerarsi indicazioni di massima, improntate alla legittima prudenza ed attenzione.

Torna su