Professioni sanitarie - Personale UE ed Extra-Ue

Legge 21 "Milleproroghe"

Ai sensi dell’art. 4, comma 8 sexies del D.L. n. 183/2020 (c.d. decreto Milleproroghe), così come successivamente emendato in sede di conversione, consente l’utilizzo, entro il 31 dicembre 2021, anche presso strutture sanitarie private o accreditate purché impegnate nell'emergenza COVID-19, di personale sanitario o socio-sanitario, sulla base di qualifiche professionali conseguite all'estero, in ambito UE ed Extra-UE.

Per quanto concerne l’utilizzo di professionisti abilitati in ambito UE, è richiesta la presentazione, alle Regioni e alle Province autonome, di istanza corredata da un certificato di iscrizione all'albo del Paese di provenienza.

Per la medesima durata, le strutture sanitarie private o accreditate, purché sempre impegnate nell’emergenza epidemiologica da COVID-19, possono assumere personale – extra UE - a condizione che vi sia un regolare permesso di soggiorno ed in presenza di titoli abilitanti, tenuto conto di quanto disposto dal medesimo articolo menzionato.

In allegato il testo del Decreto Milleproroghe nella sua versione aggiornata e coordinata.