Piemonte: aggiornamento e blocco del Piano Tariffario nelle due lettere della ANASTE Piemonte

Dopo circa otto mesi dall'insediamento della Giunta Cirio, la revisione del modello organizzativo previsto dalla DGR 45, e il conseguente piano tariffario della DGR 85, non sembrano essere all'ordine del giorno della discussione politica.

Mentre i rinnovi dei CCNL vengono fatti rispettando le scadenze triennali, i piani tariffari cadono nel dimenticatoio, lasciando in difficoltà i gestori delle RSA: all'ultimo appuntamento con i dirigenti dell'Assessorato alla Salute e alle Politiche Sociali, tenutosi lo scorso 30 gennaio 2020, non erano ancora disponibili i dati delle ASL per il 2019.

E' difficile credere che due direzioni regionali non abbiano sotto controllo i flussi gestionali delle ASL: e se ciò fosse vero, si tratta di un fatto grave che mette in evidenza gli scarsi controlli che vengono fatti sul monitoraggio della spesa pubblica.

Per ora, abbiamo dato indicazioni ai gestori di fatturare in acconto l'indice ISTAT (Foi) per il 2019 e per il 2020, sperando che la trattativa con la Regione Piemonte assuma toni più seri, consoni al ns. settore che cura ed assiste le persone anziane malate croniche e non autosufficienti.

Michele Assandri

Logo Anaste PIEMONTE Vettoriale